Attività

Conferenze   Conferenze
  Entra qui...
Formazione  Formazione
  Entra qui...
Pubblicazioni  Pubblicazioni
  Entra qui...
Advocacy   Advocacy
  Entra qui...
Multimedia   Multimedia
  Entra qui...
Banner
Ultime notizie
Ginevra: presentazione rapporto sulla violenza sulle donne in Italia
Per la prima volta è stato presentato alle Nazioni Unite un rapporto tematico sul femminicidio. Il 25 giugno 2012, nel corso della 20° Sessione del Consiglio dei Diritti Umani, presso la sede delle Nazioni Unitedi Ginevra, Rashida Manjoo - Special Rapporteur delle Nazioni Unite per il contrasto della violenza sulle donne - ha presentato il Rapporto tematico annuale sugli omicidi basati sul genere, ed il Rapporto sulla violenza sulle donne. Questo rapporto è il risultato di 10 giorni di investigazione e analisi condotta in Italia  lo scorso gennaio personalmente da Rashida Manjoo a gennaio 2012. Il Rapporto contiene dati, osservazioni e raccomandazioni alle istituzioni in materia di violenza sulle donne. 


Nella sede delle Nazioni Unite, si è anche tenuto un panel organizzato da Fondazione Pangea con "Lavori in corsa 30 anni CEDAW", Women's UN Report Network", "D.i.re" e "Giuristi Democratici" sui temi di: Violenza contro le donne, Femminicidio e Risoluzione UN 1325 in Italia.  Simona Lanzoni direttrice progetti di Fondazione Pangea e parte della Piattaforma CEDAW (la Convenzione contro ogni forma di discriminazione contro le donne) ha dichiarato durante la conferenza:  “Ci auguriamo che le raccomandazioni della Special Rapporteur  assieme a quelle del comitato CEDAW del 2011 rappresentino i pilastri guida su cui il  Dipartimento Pari Opportunità costruirà il prossimo Piano di Azione Nazionale contro al violenza sulle donne nel 2013 assieme alla società civile e DIRE la rete dei centri antiviolenza” e ha aggiunto: “Chiediamo una immediata ratifica della convenzione di Istambul al Governo e invitiamo la Ministra Fornero a esporsi su questo tema".  

D.I.R.E., la rete dei centri antiviolenza ogni anno accoglie circa 14.000 richieste di  aiuto da donne spesso accompagnate dai figli per uscire dalla violenza “Sono ancora tantissime coloro che non denunciano e altrettante che non riescono a ricevere supporto!”, ha sottolineato la Presidente Titti Carrano. 

Qui si possono trovare ulteriori informazioni e comunicati.

 
Cambiar misure per cambiare il mondo

Terra Futura 2012Domenica 27 Maggio, ore 14:30-16:30

a Terra Futura, Fortezza da Basso - Firenze
presso l'area dibattiti Acli

Tavola rotonda

"Cambiar misure per cambiare il mondo": presentazione del Rapporto Social Watch 2012.

Impatto delle politiche di austerity, cambiamenti climatici, giustizia di genere: lo stato dei diritti sociali in Italia e i nuovi indicatori per un Benessere equo e sostenibile.  

 
 
Ne discutiamo con:
Enrico Giovannini, Presidente Istat
Filomena Maggino, ISQOLS e Università di Firenze
Claudia Signoretti, Fondazione Pangea, per la Piattaforma “Lavori in corsa: 30 anni CEDAW”
Stefano Lenzi, WWF
Gianni Sinni e Laurie Elie, LCD grafica e docente comunicazione visiva
Andrea Olivero, presidente Acli
 
modera: Jason Nardi, coordinatore della coalizione italiana Social Watch
 
Atlante: corsi di formazione su coesione sociale e cooperazione E-mail

Laboratorio AtlanteAtlanteIl programma formativo di Atlante per il 2012 prevede corsi di due o tre giornate che affrontano temi considerati di cruciale importanza per chi si occupa di cooperazione internazionale e di coesione sociale, al fine di rafforzarne le competenze e di promuovere la conoscenza e il confronto di esperienze.

Ampio spazio è dedicato al tema del co-sviluppo, attraverso un ricco ed articolato percorso formativo composto da più moduli tematici che permettono di analizzare il fenomeno migratorio in una prospettiva transnazionale, al fine di saper definire ed implementare interventi e politiche tre volte vincenti: per il migrante e la sua famiglia, per il paese di origine e per il paese di destinazione. 

Leggi tutto...
 

8 Marzo 2012 - In termini di equità tra i sessi, l'Italia continua ad essere in ritardo rispetto alla media europea e anche dietro ad alcuni dei paesi vicini. Questo è ciò che emerge dell'Indice di Equità di Genere (GEI), pubblicato dalla rete Social Watch, alla vigilia della Giornata Internazionale della Donna.


Il GEI, prodotto annualmente dal Social Watch, misura il divario tra donne e uomini in materia di istruzione, di partecipazione economica e di potere politico. L'indice è una media delle disuguaglianze nelle tre dimensioni. Sull'aspetto dell'alfabetizzazione, esamina il divario di genere nelle iscrizioni scolastiche a tutti i livelli; la partecipazione economica calcola le differenze di reddito e occupazione; le misure di empowerment evidenziano la disparità di accesso a lavoro altamente qualificati, presenza in Parlamento e alle posizioni di alto livello manageriale.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL
evden evenakliyeevden eve nakliyatevden eve

escort bursa escort ankara escort eskisehir