Quali sono e come scegliere i migliori indirizzi e-mail gratis

I dati sulle e-mail inviate in un giorno solo sono davvero impressionanti, circa 2 miliardi di messaggi di posta elettronica inviati giornalmente, dalle più disparate parti del mondo.

Nonostante esistano Whatsapp, Messenger, Snapchat, Instagram ed infinite possibilità di messagistica istantanea, la casella di posta elettronica resta sempre la privilegiata, in particolar modo quando si tratta di mandare documenti di lavoro importanti, comunicati stampi e richieste di collaborazioni lavorative, la mail resta sempre la regina indiscussa.

Per questo e per tanti altri motivi la cara e vecchia e-mail resta insostituibile, e questo l’hanno capito i provider di mail, che forniscono uno spazio di posta elettronica online in maniera completamente gratuita, e poi a pagamento, per ampliare il pacchetto di servizi, qualora i requisiti base non dovessero essere sufficienti.

Cosa valutare prima di scegliere un provider e-mail

Per occhi meno esperti e navigati, un provider di e-mail potrebbe sembrare simile ad un altro, in realtà ci sono delle piccole accortezze alle quali prestare attenzione, per evitare di rinunciare a soluzioni più appetibili solo a causa della fretta di sceglierne uno.

Ricevere e mandare e-mail non ha alcun costo, è tutto completamente gratuito, questo permette alle aziende di investire su funzionalità accessorie che arricchiscono il proprio pacchetto di servizi offerti. Gli utenti privati, forti di queste libertà e benefici dal punto di vista della scelta, possono optare per le soluzioni di freemail più congeniali ed efficienti.

Tra le caratteristiche per scegliere un freemail provider troviamo:

  • Spazio di archiviazione: lo spazio di archiviazione ti permette di registrare e “mantenere in memoria”quante più mail, e, di conseguenza dati possibili. Più spazio di archiviazione avremo, più mail e contenuti in maniera gratuita potremo conservare.
  • Standard di sicurezza: proteggeranno i tuoi dati in maniera sicura, utilizzando le ultime tecnologie di criptazione dei dati e di contenuti sensibili.
  • Funzionalità aggiuntive: molti provider permettono di effettuare backup dei dati, ed hanno degli storage di spazio aggiuntivi per salvare i tuoi file, evitando di smarrirli e portandoli sempre insieme a te qualora ti dovessero servire.

I big player del settore mail ci sono tutti, e in questo articolo ti mostrerò quelli che secondo me spiccano per servizi offerti e “trust” del sito, fiducia acquisiti negli anni della loro attività di provider.

Yahoo Mail

La compagnia è un vero e proprio colosso del Web, portale di servizi che opera da più di 20 anni, nasce come motore di ricerca, e poi si trasforma, rivolgendosi a clienti interessati alla comunicazione in generale (chat, messenger ed ovviamente mail).

Punti di forza del provider di proprietà Verizon Media dal 2017 sono:

  1. Enormi capacità di spazio di archiviazione: Yahoo Mail ha voluto non strafare, di più, offrendo uno spazio che io oserei dire infinito per una casella di posta elettronica: 1000 gb, 1 Terabyte, che sono davvero un numero sbalorditivo.
  2. Assistenza clienti prioritaria se si scegli di affidarsi a Yahoo Mail Pro, che però prevedere un piano a pagamento, ma che rimuove tuttavia la fastidiosa presenza della pubblicità.

Di contro invece troviamo l’assena di uno spazio cloud interno, che ci impedisce di accedere direttamente dall’interfaccia mail di Yahoo, ma ci costringe ad affidarci ai noti servizi di storage cloud di Google Drive e Dropbox. Ah, dimenticavo, ovviamente dovrai registrarti per questi servizi di spazio di archiviazione in cloud. Un vero fastidio, lo so.

Gmail

Dal 2004 fino ad oggi è stata un’asta al rilancio, tra Google e gli altri provider freemail soprattutto per lo spazio di archiviazione offerto, quando Google offrì per la prima volta 1 Gb come spazio accessorio alla casella di posta elettronica.

Da quando Gmail ha aperto questa diatriba a livello mondiale sul cloud è sempre stato così, ed è ormai diventato un fattore decisivo nella scelte delle migliori e-mail sul mercato.

L’offerta di Gmail è la seguente:

  • 15 GB totali di spazio per i servizi interconnessi di Gmail, Google Drive e Google Foto
  • Buona anche la condivisione dei file per un massimo di 25 mb per singolo trasferimento.
  • L’interfaccia grafica è pulita, sebbene sia hostata su di un server, ad ogni modo è davvero funzionale nel soddisfare le necessità basiche di ogni utente anche il più inesperto.
  • L’integrazione è fantastica con Google Hangouts, Calendar, Youtube e decine di altri applicativi integrati messi a disposizione da Big G.
  • Codifica standard SSL/TLS: a detta di Google stessa è uno dei migliori metodi per proteggere e rendere più sicure le comunicazioni di dati tra due utenti.

Outlook.com

Era l’ex Personal Info Management di Microsoft, ed era ancora facente parte del pacchetto Office, che prendeva il nome di Hotmail, tuttavia è stato nel 2013 il cambiamento decisivo che ha portato quest’ultimo a cambiare nome ed a diventare Outlook.com.

E’ lui il prodotto finale di Microsoft, che vuole provare a giocarsela con la spietata concorrenza di altri grandi Player nel settore del Freemail. I pregi di iscriversi al servizio dal colosso offerto da Microsoft sono:

  • Integrazione con il mondo Microsoft: potrai avere l’accesso libero a Skype, ed al suo software di videochiamate e videoconferenze online, la possibilità di usufruire del cloud OneDrive, e del pacchetto di Office, con Word,Excel e Powerpoint online.
  • L’interfaccia è basilare ed esemplificata: potrai contare sul pacchetto Office che per motivi di lavoro sarà la tua arma in più per ottenere uno spazio “virtuale” di lavoro più professionale.
  • Spazio di archiviazione: Ottimo, alla pari di Gmail, e con dei vantaggi in omaggio da parte di OneDrive che regala 5 Gb in più, sempre comodi che diventano in totale 20, un bel gruzzoletto per archiviare i tuoi documenti importanti.