Chi è e quanto guadagna un social media manager

  • Chi è il social media manager
  • Quali sono le competenze necessarie per diventare social media manager
  • L’importanza delle campagne Google su Facebook
  • Quanto guadagna un social media manager

Chi è il social media manager

Con lo sviluppo tecnologico è cambiato anche il mondo del lavoro, con la nascita e la richiesta di nuove professioni. La figura del social media manager, tra questi, è sicuramente una tra le più richieste. Il social media manager è un professionista che lavora con e sui social, gestisce una o più piattaforme in base alle necessità del cliente, i quali possono essere aziende, organizzazioni, istituzioni, figure pubbliche e personaggi famosi che vogliono curare la propria immagine. Spesso il social media manager lavora all’interno di un’agenzia di marketing che si occupa di diversi clienti, e si focalizza sulla branca del social marketing. Altre volte può lavorare direttamente all’interno di un’azienda, occupandosi della gestione dei suoi profili social, oppure può lavorare come freelance, accettando progetti e gestendoli in modo autonomo, anche lavorando da casa. Spesso la figura del social media manager è occupata da laureati in scienze della comunicazione, oppure da persone che hanno seguito e portato a termine dei corsi di formazione nell’ambito del social marketing. Il social media manager studia un piano per il cliente, individua i social adatti e sviluppa una strategia adeguata ad una serie di elementi che influenzano il percorso, come ad esempio i competitor o il budget. Ilprofessionista del web, infine, si occupa della gestione operativa dei social che può essere organizzata con altri componenti del proprio team. Il vero social media manager è una persona sempre attenta agli sviluppi tecnologici e aggiornata sui cambiamenti delle varie piattaforme social, insomma un vero e proprio professionista del mondo del web. Non ci si può improvvisare da un giorno all’altro, per diventare un professionista esemplare bisogna studiare e rimanere sempre al passo con i tempi.

Quali sono le competenze necessarie per diventare social media manager

  • Conoscenza delle piattaforme
  • Abilità nello studio del target
  • Buon uso dei tool (ad esempio Photoshop)
  • Mente creativa
  • Aggiornarsi costantemente sui nuovi strumenti social

Le competenze necessarie per diventare un social media manager sono molteplici, ma le più essenziali sono sicuramente: conoscenza delle piattaforme social, abilità nello studio del target, gestione di codici per comunicare con il pubblico, buon uso dei tool per comunicare con la gente (ad esempio bravura nell’usare Photoshop o nel montaggio video). Il percorso che deve seguire un aspirante social media manager per trovare lavoro si allinea a quello di un qualsiasi professionista del web e si divide in tre passaggi fondamentali che possono svilupparsi nello stesso momento: formazione, gavetta ed esperienza personale. Se si vuole intraprendere questo lavoro è importante seguire una formazione nel campo dell’economia e del marketing digitale. Un po’ di gavetta è necessaria in ogni tipo di lavoro e questa professione non è da meno. Per diventare social media manager, infatti, gli studi non sono sufficienti, occorre anche fare tanta pratica sul campo. Di solito si inizia ricoprendo un ruolo minore che prevede compiti come la pubblicazione di post, la gestione dei commenti e dei messaggi e la preparazione della reportistica. Man mano che l’esperienza si accumula e che si prende confidenza con il mondo dei social media, si passa anche alla parte più strategica e creativa, con un aumento delle responsabilità. Per diventare un social media manager di successo è fondamentale continuare ad aggiornarsi sulle dinamiche del mondo digitale, sui nuovi strumenti social sviluppati per le aziende e sui trend in fatto di gestione dei brand online. La figura del social media manager, infine, deve saper cavarsela in ogni contesto, trovando una soluzione che si adegui a qualsiasi imprevisto per il raggiungimento del proprio obiettivo.

L’importanza delle campagne Google su Facebook

Il social media manager punta molto sul connubio Facebook-Google. Due strumenti per indirizzare gli utenti su determinati prodotti sono infatti Facebook Ads e Google Ads. Spesso e volentieri vengono visti come l’uno l’opposto dell’altro, ma non è così. Sono semplicemente due strumenti di ricerca che attraggono in maniera diversa il pubblico. Google Ads usa una determinata combinazione di parole inserite dall’utente per fornire poi una ricerca specifica del prodotto, Facebook Ads, invece, punta sugli interessi delle persone, che non sono all’interno di un motore di ricerca, ma di un’applicazione rivolta all’intrattenimento. All’interno di Facebook non ci spunteranno inserzioni sulla base di quello che stiamo cercando, ma vedremo pubblicità di prodotti che ci potrebbero piacere. Durante la creazione delle inserzioni, il social media manager imposta vari parametri: budget pubblicitario, pubblico a cui mostrare l’inserzione e la creatività. Il budget per fare pubblicità all’interno del social network può essere scelto a seconda delle esigenze e degli obiettivi prefissati. Facebook Ads e Google Ads, quindi, sono strumenti indispensabili per garantire un buon social marketing.

Quanto guadagna un social media manager

Una delle prime domande che spesso viene fatta ad un social media manager è: ‘quanto guadagni al mese?’. La risposta è semplice: dipende dalla specializzazione e dalla capacità di un professionista di imporsi sul mercato e di quante pagine social gestisce. Lo stipendio medio di un social media manager è di 35.000 euro lordi all’anno (circa 1.800 € netti al mese), superiore di 250 euro (+16%) rispetto alla retribuzione mensile media in Italia. La retribuzione di un social media manager può partire da uno stipendio minimo di 22.400 € lordi all’anno, mentre lo stipendio massimo può superare gli 85.000 € lordi all’anno. Tra le retribuzioni più basse troviamo quelle di figure con poca esperienza come quella dello stagista in social media management o del junior social media manager, mentre profili più senior e con maggiore esperienza come quello del social media specialist senior, dell’head of digital o del social media manager in una multinazionale godono di retribuzioni molto più elevate.