Come eseguire una strategia SEO sui backlink

Il backlink è un link che punta a un’altra pagina web. Sono importantissimi a livello SEO e adesso ti spiego perché. Quando fai un buon lavoro i tuoi clienti ti raccomandano ai loro amici. Giusto? Non è detto che tutti poi acquisteranno da te, però il tuo nome si sparge e poco a poco diventi un punto di riferimento nel tuo settore.

Con i backlink funziona uguale. Più risorse esterne ti linkano e più Google capisce che sei un punto di riferimento nel tuo settore e così poco a poco (in base a tanti fattori che dopo ti dico) inizi a scalare le sue SERP.

Capisci bene che si tratta di uno strumento molto potente e le persone sono disposte a pagare anche diverse centinaia di euro per un link che arriva da un sito autorevole della propria nicchia. Questo ha reso sempre più difficile la diffusione dei link naturali e dati senza accordi dietro, proprio perché gli addetti ai lavori ne conoscono il valore economico.

Ciò non toglie che restano fondamentali e perciò occorre una strategia di link building seria e ben strutturata. In questo modo ti vai a creare una rete di collegamenti che rafforzano il tuo e dicono a Google che la tua è una fonte autorevole, che piace molto. E’ naturale che Google fa salire quei risultati apprezzati. Seguire una strategia di link building invece di aspettare che arrivino in maniera naturale significa dare un’accelerata al tuo progetto e arrivare prima ai risultati sperati.

Ricordati però che non puoi far arrivare molti link a un sito appena nato. Anzi, all’inizio è bene lasciare in disparte la link building e basarsi sulla qualità del proprio sito e dei contenuti. Se fai arrivare link a un sito appena nato Google si accorge del trucco. Fatti una domanda: tu linkeresti un sito appena nato, con pochi contenuti e che nemmeno è presente sui motori di ricerca? No. Neanche lo troveresti. Ecco, una strategia di backlink sensata deve essere il più naturale possibile. Perciò fai arrivare i link solo dopo che hai creato una base solida. E falli arrivare non da grandi testate, ma da piccoli siti di nicchia che però sono di qualità. Man a mano puoi ricevere link sempre più importanti e tenuti in considerazione da Google con un occhio di riguardo.

Evita di ricevere link da siti web di scarsa qualità o peggio ancora, da siti SPAM. Altrimenti google si rende conto che si tratta di una tecnica per arrivare alle prime posizioni e a Google non piace quando bariamo. Nonostante è diffusa la tecnica di acquisto link, sappi che a Google non piace, così come non piace lo scambio.

Tutti i link però non sono uguali. I primi due motivi sono questi:

  • Un link può essere follow o no follow. Il primo dice al motore di ricerca di seguire la risorsa e di tenerla di conto. Il link no follow invece dice a google di non seguire il link, ma di tenere comunque di conto che quella è la fonte. Potresti pensare che la scelta giusta è ricevere solo link follow. Sbagliato! Sono importantissimi entrambi e in alcune strategie anzi, servono solo link no follow.
  • Un link non vale l’altro. Cerca di ricevere link da siti della tua stessa nicchia o da siti affini. Puoi ricevere link anche da siti generalisti, purché comunque abbiano una ricca sezione di contenuti affini al tuo e soprattutto che il sito sia di qualità.

Ricordati comunque che i link naturali esistono e sono molte le persone che linkano senza accordi altri progetti, per il semplice fatto che il contenuto è davvero di valore.