Ricerca Keyword: perché è importante e come eseguirla

Se hai creato un blog e ti stai affacciando sul mondo della SEO è probabile che hai sentito parlare di keywords, cioè delle parole chiavi. Sono quelle chiavi di ricerca che permettono all’utente di arrivare sul tuo sito web attraverso una ricerca all’interno del motore di ricerca.

Esistono due tipi di parole chiave. C’è la parola chiave secca e quella più articolata, chiamata “a coda lunga”. Nel secondo caso si parla perciò di long tile keyword.

La parola chiave secca ha un volume di ricerca molto alto in genere, perciò posizionarsi per questa significa ottenere moltissime visite giornaliere. Il problema è che sono ad alta competizione, cioè moltissime persone stanno cercando di posizionarsi per la stessa chiave e per farlo adottano diverse strategie. Se non hai un buon budget e lavori in un settore con media-alta competenza, difficilmente arrivi a posizionarti per una key secca.

Le keyword a coda lunga invece sono parole chiavi che rispondono a un’esigenza specifica. Devi perciò creare un contenuto intorno a questa key che risponda al dubbio che vuoi risolvere. Posizionarsi per queste key è sicuramente più facile ed è più utile ai tuoi lettori. Le persone infatti fanno ricerche sempre più dettagliate per risolvere i propri dubbi e per questo puoi individuare chiavi particolarmente profittevoli.

Capisci perciò che è davvero importante eseguire una ricerca keyword e renderla il più completa possibile. Solo in questo modo potrai strutturare poi un progetto editoriale di buona qualità e che vada a toccare tutti gli argomenti che riguardano la tua nicchia, senza tralasciare niente.

Senza una ricerca fatta a monte, rischi poi di cercare le keyword un po’ alla volta e questo ti farà perdere di vista il progetto nel suo insieme. Un blog non è fatto di contenuti separati, ma deve essere visto come un grande contenitore che contiene tutto ciò che è necessario per informare bene l’utente e rendere la sua esperienza completa. Tutti i contenuti devono essere collegati tra loro, anche grazie a una buona strategia di linking interna, in questa maniera i lettori possono viaggiare da un contenuto all’altro in base ai temi per loro importanti.

Come eseguire la ricerca delle parole chiavi

Prima di tutto devi capire quale tipo di esigenza desideri soddisfare. Vuoi soddisfare il bisogno di un acquisto? Oppure vuoi aiutare le persone a risolvere un problema? Quando sai cosa desidera l’utente, puoi intercettare la keyword che utilizzerà per trovare la soluzione. E tu dovrai utilizzare quella key per farti trovare da lui.

Per eseguire la ricerca delle key devi affidarti ad alcuni tool online che ti consentono appunto di svolgere molti passaggi decisamente in fretta e ti danno alcuni dati importantissimi. Come il volume di ricerca per una determinata key, la stagionalità, la competitività e il valore qualora tu scegliessi di investire denaro per la crescita della parola chiave. Tra i vari strumenti trovi Google Trend, Seozoom, Semrush, Ubertsuggest, Answer the Public. Molti di questi strumenti però non si limitano a fornirti dati statistici, ti creano dei veri e propri grafici di keyword correlate che ti aiutano a rendere più profondo un contenuto oppure a creare una serie di post da pubblicare in base alle long tile keyword.

Il secondo strumento utile è il file Excel. Qui dentro devi riportare tutte le informazioni che hai organizzato. Devi riportare la keyword osservata, il volume di ricerca, il costo per click, il volume di difficoltà della parola, quanti risultati ci sono in serp, la stagionalità. Parti dalle keyword generiche che saranno poi le cornerstone. Si perché anche se di difficile posizionamento tali key con contenuto correlato devono essere presenti e sono alla base del progetto stesso. Man a mano inizia a strutturare le key long tile, le quali rispondono a domande specifiche.Inizia da quelle che ti portano un buon traffico e man a mano scendi verso le keyword meno rilevanti a livello di volume di ricerca ma comunque importanti per la tua nicchia.

Inserito in: Web